Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Il pallone di Andrea

Collapse
X
  • Filtro
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Il pallone di Andrea

    A me ha fatto commuovere.
    Sicuramente vale la pena leggerlo

    Andrea Casula, 11 anni, e suo padre Giovanni, 44.

    Aveva 11 anni, Andrea. L’età in cui il calcio è ancora la musica della propria vita. L’età in cui il calcio è ancora la misura della propria gioia.
    Andava in quinta elementare, Andrea. L’ultimo anno di scuola dove ti senti bambino. Che poi con le medie si diventa grandi. Ti cambiano i quaderni.
    Ti cambiano i sogni.
    Era tecnologico, Andrea. Sicuro al timone del suo computerino. Un Vic20 che già gli andava stretto.
    Era ingegnoso, Andrea. Pile e intreccio di fili per costruire il suo campanello personale.
    Driiiin. Per entrare in camera sua, si prega di suonare.
    Quante volte Andrea avrà detto ai suoi “Scendo a giocare a pallone in cortile”. Che così si dice, da bambini, “pallone”. Il calcio è per i grandi. Quante volte avrà appoggiato il suo maglione per terra Andrea, a mo’ di palo, inventando una porta precaria, dentro a un pomeriggio di inizio primavera, che di fare i compiti oggi non se ne parla, oggi si gioca a pallone.
    Il garage va bene d’inverno, c’è una tettoia sporgente che ripara dalla pioggia. Ma è uno strazio, ogni volta che esce o entra una macchina bisogna fermarsi. Come quando mandano gli spot durante la partita in TV. Ma è solo una Smart. Poi cross dalla rampa e gol di sinistro, all’incrocio dei tubi della grondaia.
    Col primo sole si scappa a giocare sul prato vicino casa, vuoi mettere.
    Puoi tuffarti buttarti correre urlare. E provare la rovesciata. Ed entrare in scivolata. Come i grandi. Via i jeans però, sotto Andrea ha già i pantaloncini. I pantaloncini da calcio sono la biancheria intima dei bambini. Così niente macchie. E mamma non si arrabbia. Al massimo sbucciature rosso-verdi sulle ginocchia. Le stimmate del giocatore senza paura. Vorrai mica tornare a casa senza un graffio?
    Poi c’è la scuola calcio. Intitolata a un signore che in Sardegna è un mito più che altrove. Gigi Riva. Rombo di tuono. Rivarombodituono. Tanto che fin da piccoli a ogni temporale ti viene in mente lui, mica pensi alla pioggia.
    La scuola calcio dove impari a misurare l’istinto. Dove mettono ordine dentro al tuo entusiasmo. Dove cominci a sentirti un po’ più grande. Col pallone di cuoio e le scarpette da calcio vere. Che sul prato si gioca con le Superga e il Supertele.
    “Papà, se la Juve va in finale mi porti, mi porti?”
    A casa Andrea aveva appena finito di aprire quei nuovi 10 pacchetti di figurine arrivati in regalo come una benedizione. Quest’anno è andata alla grande. Gli mancano solo 2 figurine per finire l’album dei “Calciatori” 1984/85. È la prima volta. Soltanto due!
    L’odore di un pacchetto di figurine che si apre è un soffio dolce sul viso.
    È una promessa. Ce l’ho, ce l’ho, ce l’ho, ce l’ho.... Per forza Andrea, ce le hai tutte, o quasi, ormai. Al nono pacchetto la sorte è benevola. “... mi manca!!!”. Adesso ad Andrea ne manca solo una di figurina, per finire l’album. Soltanto una.
    Manco a farlo apposta proprio quella sera a Bordeaux la Juventus si qualifica per la finale. Per la finale di Coppa dei Campioni. La finale di calcio.
    Quello dei grandi.
    In Sardegna il sole è già possente, lo stempera il vento, che si infila dentro a una luce che profuma d’estate. Le onde che sbattono sul porto di Cagliari infilano iodio nell’aria e invogliano a correre. Correre dietro a un pallone, magari. Di cuoio o di plastica. Driiin. Quando il papà dice ad Andrea che è riuscito nel miracolo di trovare due biglietti per la finale di Bruxelles, e che ci andranno insieme, lui non sta più nella pelle. Gli sale
    dentro un’emozione profonda e sconosciuta. Juventus-Liverpool, una delle partite più importanti della storia della Juventus, lui se la vedrà dal vivo, col suo papà. Andrea è già stato allo stadio, al Sant’Elia di Cagliari, ma stavolta sarà diverso. Sarà a Bruxelles. Alla finale di Coppa dei Campioni. Dentro lo stadio che tutto il mondo quella sera guarderà. Nemmeno 100 pacchetti di figurine, o 10 partite sul campo dei grandi
    gli farebbero lo stesso effetto. Nemmeno 10 goal all’incrocio dei tubi, e 10 rovesciate perfette, sul prato vicino casa. Andrea lo racconta ai suoi compagni di squadra, che andrà a Bruxelles. Che andrà a vedere la Juve. La finale.
    Lo racconta ai suoi compagni di quinta, che andrà all’Heysel. Sorrisi, e pacche sulle spalle. E “Beato te”. E “Accidenti!”. E “Posso venire con voi?”.
    Andrea conta i giorni, come fosse dicembre aspettando Natale.
    E quando finalmente Natale arriva, a Bruxelles è quasi estate. Il cielo è di un azzurro intenso, e la luce è fortissima. Mano nella mano con il suo papà, Andrea si mangia con gli occhi la stazione, il taxi, le strade. Conta le bandiere bianconere, legge le insegne dei negozi, esamina attentamente le marche delle auto. Chissà dove giocano a pallone, qui a Bruxelles, i bambini come me. Chissà se anche loro fanno i cross dalla rampa, o hanno dei campetti tutti per loro. Chissà se sanno chi è Gigi Riva, qui a Bruxelles.
    Quando entra dentro lo stadio Andrea ha un groppo alla gola. Si riannoda il fazzoletto bianconero che ha al collo, nel timore di perderlo, e comincia a fissare lo stadio. Come fosse un giocattolo immenso. E i tifosi della Juventus, che dall’altra curva intonano già il loro “Juve-Juve” secco e deciso, gli regalano un primo sottile brivido. Andrea si sente già un po’ più grande, dentro a quello stadio, che gli sembra sterminato. E gli sale dentro un’emozione dolce. L’emozione di un bambino.
    Con l’emozione sale anche la fame. Il papà di Andrea sorride e tira fuori un sacchetto giallo, di cioccolatini bicolore. “Che qui sono buonissimi, sai Andrea? Facciamoceli bastare... ”. La merenda al cacao delle 6 si scioglie in bocca.
    Quando sente le urla a pochi metri da lui Andrea non capisce, pensa che sia qualche tifoso un po’ più vivace degli altri. E poi quello fondente ripieno è troppo buono.
    Poi le grida si fanno più forti e concitate, e intorno la gente comincia a guardare verso sinistra, e a gridare “Gli inglesi, guarda, gli inglesi scavalcano!!!”.
    Andrea cerca di guardare e di capire, allunga la testa, ma il suo metro e 46 non gli consente di avvistare là in fondo i reds che caricano a testa bassa. Un primo scossone sbalza via lui e suo papà dal posto dove si erano sistemati, in piedi come tutti gli altri.
    Giovanni allora gli stringe forte la mano, Andrea chiede “Papà che succede?”, mentre di colpo si ritrova nel suo abbraccio, che non è come le altre volte, che è stretto e serrato come mai lo è stato prima. Giovanni ora cerca di scappare verso il lato destro. “Gli inglesi hanno invaso il nostro settore, dobbiamo scappare Andrea”. “Hanno ‘invaso’? E perché? Che gli abbiamo fatto papà?”.
    Non c’è tempo per rispondere, non c’è tempo per capire. Gli inglesi adesso caricano in massa, Andrea e suo papà vengono scaraventati addosso a chi sta già scappando, come loro. Il settore Z è diventato una centrifuga, e i rossi ora sono un’onda impazzita. Andrea adesso ha paura, getta in terra i cioccolatini e infila di nuovo la sua mano in quella di suo papà, che gli fa da scudo, gli dice di stare tranquillo, di resistere, che tra poco sarà tutto finito. Andrea in quel marasma cerca solo di respirare, di non pensare, di tenersi stretto al suo papà. La sua unica ciambella di salvataggio in quel mare impazzito.
    Per un attimo l’onda rallenta, la morsa si attenua. E allora si riprende fiato, ci si allarga un po’, si tira su la testa. Forse è finita. Hanno smesso. Giovanni accarezza Andrea, che accenna a un sorriso. Ma quelli sono furie.
    Sono belve impazzite. Caricano di nuovo. Ora urlano tutti. L’onda li sballotta, li trascina via, li risucchia. Andrea si stringe forte a suo papà. Rotolano in terra, poi si rialzano, poi di nuovo in terra. Giovanni non lo molla, Andrea cerca di rimanere in piedi, di prendere fiato, di proteggersi dai calci di quelli che scappano. Ma a un certo punto non sente più urla, non prova più dolore, non ha più paura.
    Si stringe forte a suo papà. Si stringe forte a suo papà e basta.
    Il meglio di un uomo se ne và quando muore il migliore dei suoi sogni.
    Quando l'ultimo dei suoi sogni muore, muore anche lui.

    "Il cielo è blu, l'acqua è bagnata e le donne hanno i segreti" da "L'Ultimo Boy Scout"
    "Il tuo cuore è libero, devi solo avere il coraggio di seguirlo" da "Braveheart"


    Now Playing on GW2: Gremio Snow (Norn Warrior) - Madmartigan Kilmer (Sylvari Guardian) - Jimmy Pashmina (Human Elementalist)

    Presidente della Fantasquadra degli Okinawa Lightinings
    : PALMARES

    Medaglia d'Oro alle Kozziumpiadi:
    LINK1 - LINK2
    Vincitore del "GDL Arena Tournament": IL TORNEO

    Sono stato:
    Gremio - Sorcerer Level 50 su Elder Scroll Online (TESO)
    Gremio - Warrior Dual Wield su Dungeons & Dragons Online (DDO)
    Gremio - Black Orc Level 40 su Wharammer Online (WAR)
    Gremio - Gladiator Level 80 su Lineage 2 (L2)
    Gremio - Human Paladin Level 70 su Word of Worcraft (Wow)
    Gremio Icestorm - Maestro d'armi 8L7 su Dark Age of Camelot (DAOC)
    Gremio Icestorm - Warrior su La 4° Profezia (L4P)

  • #2
    Ero piccolo quando sentii la notizia al tg... beh, piccolo... 16 anni.
    Neppure allora seguivo il calcio, non mi è mai interessato, se non proprio quando ci sono i mondiali... ma è solo orgoglio nazionale.
    Quella notizia mi fece raggelare il sangue, le immagini mi fecero tremare. E in me si rinforzò la convinzione che c'è troppo fanatismo verso 22 cretini che per un'ora e mezza prendono a calci un pallone.
    Leggere questo breve brano, scritto molto bene, mi ha fatto commuovere e ricordare quel giorno. Quel terribile giorno.
    E constatare che nonostante quel giorno ancora oggi il fanatismo, gli ultrà e compagnia bella sono ancora all'ordine del giorno, fa molto male.
    Unica mia consolazione è che io non andrò mai allo stadio, e che mia figlia è femmina e non me lo chiederà mai neppure lei!
    Grazie Gremio per questo post commemorativo.
    Se vi ritroverete soli, a cavalcare su verdi praterie col sole sulla faccia, non preoccupatevi troppo, perché sarete nei campi Elisi, e sarete già morti. (cit.)

    Tenofas Hellblood - Templar
    (The Elder Scrolls Online)


    Commento


    • #3
      Originariamente Scritto da Tenofas Visualizza Messaggio
      Unica mia consolazione è che io non andrò mai allo stadio, e che mia figlia è femmina e non me lo chiederà mai neppure lei!
      Grazie Gremio per questo post commemorativo.
      ho visto questo post tardi, ma non è mai tardi per ricordare....a me il calcio non piace e lo sapete, ma quella sera, non so per quale combinazione, guardavo la partita anch'io....guarda avrei voluto spaccare lo schermo e entrare per far muovere quegli imbecilli di poliziotti a cavallo che se ne stavano li a guardare come deficienti, senza alzare un dito, mentre una parte di tribuna si lanciava contro gli italiani....e io li a gridare "ma fate qualcosa, muovetevi!!!!"

      si saranno anche mossi, ma troppo tardi....

      un pensiero a tutti quelli che la passione per il calcio ha portato via.....
      piu' di ieri meno di domani

      Commento


      • #4
        Anche io vedo solo oggi questo post di Luca
        Io mi ricordo quel giorno come fosse oggi, davanti alla TV per quella che doveva essere una festa del calcio, per me milanista a gufare contro la "odiata" Juve e a sfottere e a farmi sfottere dal caro amico juventino che mi sedeva a fianco; quell'amico dopo quella sera non ha più guardato una partita di calcio.
        Io, meno coerente di lui, ho continuato a seguire il calcio e a essere un tifoso, ma dopo quella sera qualcosa è cambiato e non è più realmente come prima; anche se per proteggerci cerchiamo di dimenticare...
        Ma non dobbiamo dimenticare perché, purtroppo, nei nostri stadi la violenza e il marcio continuano ad essere presenti e tutti noi, forse, ne siamo inconsapevolmente un po' conniventi.

        Grazie Luca!
        Non si vede bene che col cuore, l'essenziale è invisibile agli occhi
        - Saint Exupery -


        Andromeda, Guardiano della Leggenda

        Commento


        • #5
          UP!
          Solo per ricordare il triste anniversario dei 30 anni.
          Il meglio di un uomo se ne và quando muore il migliore dei suoi sogni.
          Quando l'ultimo dei suoi sogni muore, muore anche lui.

          "Il cielo è blu, l'acqua è bagnata e le donne hanno i segreti" da "L'Ultimo Boy Scout"
          "Il tuo cuore è libero, devi solo avere il coraggio di seguirlo" da "Braveheart"


          Now Playing on GW2: Gremio Snow (Norn Warrior) - Madmartigan Kilmer (Sylvari Guardian) - Jimmy Pashmina (Human Elementalist)

          Presidente della Fantasquadra degli Okinawa Lightinings
          : PALMARES

          Medaglia d'Oro alle Kozziumpiadi:
          LINK1 - LINK2
          Vincitore del "GDL Arena Tournament": IL TORNEO

          Sono stato:
          Gremio - Sorcerer Level 50 su Elder Scroll Online (TESO)
          Gremio - Warrior Dual Wield su Dungeons & Dragons Online (DDO)
          Gremio - Black Orc Level 40 su Wharammer Online (WAR)
          Gremio - Gladiator Level 80 su Lineage 2 (L2)
          Gremio - Human Paladin Level 70 su Word of Worcraft (Wow)
          Gremio Icestorm - Maestro d'armi 8L7 su Dark Age of Camelot (DAOC)
          Gremio Icestorm - Warrior su La 4° Profezia (L4P)

          Commento


          • #6
            Brividi

            Commento

            Sto lavorando...
            X